Il paradosso del fuoco: uso del "fuoco prescritto" per prevenire i grandi incendi

Senza la carta riesci ad accendere il camino? La nostra ricerca studia il fuoco prescritto, una tecnica per prevenire gli incendi boschivi che usa in modo scientifico il fuoco per consumare la "carta" nel bosco prima che si verifichi un incendio dannoso, ma senza alterare i processi ecologici

La gestione degli incendi boschivi non si affronta solo con i "canadair". Questa strategia ha costi elevati e non mette al sicuro da stagioni estreme come quella del 2007, quando il Gargano è tristemente bruciato. Si può fare di più?
Pensate a un caminetto e alla ricetta per accenderlo: carta asciutta, pezzetti di legno secco e infine tronchetti più grossi... quindi si dà fuoco alla carta. Se togliamo la carta è quasi impossibile accendere il camino!
Noi studiamo metodi efficaci e sostenibili per togliere la "carta" dal bosco, senza però toccare "legnetti" e "tronchetti", ovvero il suolo, il sottobosco, gli alberi e gli animali che vivono nella foresta. Se ci riusciamo, gli incendi saranno meno intensi e dannosi e più facili da spegnere.
Come fare però? Si ricorre al "paradosso del fuoco", ovvero si applica preventivamente il fuoco per consumare la "carta" prima che si verifichi un incendio dannoso. Ma lo si fa in modo scientifico, per non alterare i processi ecologici del bosco. Il termine tecnico è "fuoco prescritto", uno strumento che il DISAFA ha iniziato a sperimentare nel 2004 in foreste, arbusteti e praterie alpine e mediterranee, per valutarne l'efficacia e monitorarne gli effetti.
Tutto questo in collaborazione con chi lavora sul territorio, come i servizi forestali regionali e dello Stato, volontari antincendio e Protezione Civile, contribuendo alla formazione di professionisti che oggi progettano e applicano il fuoco prescritto in modo esperto e sicuro.


impatto sulla società

Applicare il fuoco prescritto in zone strategiche serve a ridurre l'intensità e severità dei grandi incendi, e a proteggere le aree di interfaccia urbano-foresta.
Molti incendi sono dovuti all'uso del fuoco per fini pastorali. Regolamentare l'uso del fuoco rurale con il fuoco prescritto riduce i costi di spegnimento, gli impatti sull'ambiente e allevia i conflitti sociali.
Gli incendi sono stagionali, ma il personale antincendi boschivi (AIB) deve essere sempre pronto. Pianificare il fuoco prescritto ogni anno mantiene gli operatori allenati e ne aumenta le capacità di gestire il fuoco.


tags


temi correlati


referente

Davide Ascoli
Giovanni Bovio
gruppo di lavoro

dipartimenti

Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari
partner


condividi
progetti di ricerca rilevanti
approfondimenti
Stato dell'arte dei programmi di fuoco prescritto in Italia
Analisi dei limiti e delle potenzialità del fuoco prescritto in Europa
Video didattico fuoco prescritto
Documentario in lingua inglese sul fuoco prescritto
Il fuoco prescritto
potrebbero interessarti anche