Brand
Società e Cultura

Meccanismi e soluzioni del finanziamento alle micro imprese

Le micro imprese, così come le imprese neonate, fanno fatica a trovare finanziamenti, più di quanto non avvenga alle grandi. Nel tempo sono nate diverse soluzioni per cercare di risolvere il problema. È interessante capire quali soluzioni funzionano, quali no e che cosa si può fare per migliorarle

Quali sono le soluzioni creative che le micro e piccole imprese hanno trovato nel tempo per facilitare la raccolta di capitale necessario al loro sviluppo?
Un primo espediente è quello dei confidi. Nati negli anni ’50 i confidi si basano sul principio dell’unione che fa la forza. Sono delle associazioni di piccole imprese che si auto-tassano per creare un organismo che possa fare da garante nei confronti delle banche al momento della richiesta di un prestito.
Un altro espediente sviluppato più di recente è quello dei mini-bond. Si tratta di un meccanismo che consente alle imprese più piccole di finanziarsi presso gli investitori attraverso l’emissione di obbligazioni, ovvero titoli negoziabili che incorporano un prestito all’impresa. L’obbligazione in sé non ha nulla di innovativo, ma è innovativo il tentativo di renderle accessibili anche alle imprese più piccole, mentre tradizionalmente sono state utilizzate solo dalle più grandi.
Infine, ancora più recentemente è nato il crowdfunding: un meccanismo per raccogliere piccolissimi finanziamenti a titolo di capitale per lo sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali. In questo caso l’investitore che partecipa all’operazione diventa azionista dell’impresa, invece che semplice creditore.


impatto sulla società

Studiare i meccanismi che facilitano il finanziamento delle micro imprese è molto importante, perché sono loro il fondamento dell’economia del nostro Paese. Le statistiche mostrano che oltre il 99 per cento delle imprese impiega meno di 10 addetti. Finanziare le piccole imprese significa quindi far funzionare bene l’economia italiana.
All’interno del gruppo delle micro-imprese, le cosiddette start-up " le imprese neonate " sono poi il motore dell’innovazione e quindi della capacità del nostro Paese di sviluppare attività che ci permettano di diventare competitivi a livello internazionale.



referente

Paola De Vincentiis
gruppo di lavoro

Marina Damilano
Patrizia Pia
Eleonora Isaia
Cristina Rovera
Alessio Bongiovanni
dipartimento


condividi
progetti di ricerca rilevanti
potrebbero interessarti anche