Brand

Supporto respiratorio non invasivo per lo svezzamento dalla ventilazione meccanica

La ripresa della ventilazione spontanea e l'estubazione sono momenti delicati dopo un periodo di ventilazione meccanica. Per questo motivo si stanno mettendo a punto e testando diverse strategie che permettano una gestione ottimale del paziente nel periodo immediatamente successivo all'estubazione

In circa il 15-20% dei casi, lo svezzamento dalla ventilazione e l'estubazione non riescono adeguatamente. Si rende pertanto necessario reintubare il paziente con un conseguente incremento del rischio di mortalità e di complicanze, come la polmonite. Assicurare un'adeguata gestione ventilatoria è perciò essenziale nel periodo immediatamente seguente l'estubazione. Questo può essere garantito mediante diversi dispositivi tra cui la maschera, le nasocannule, il casco.
Questi presidi, pure efficaci per migliorare l'ossigenazione del paziente, hanno degli effetti collaterali principalmente legati all'incapacità di tutti i supporti ventilatori di garantire un'efficace umidificazione delle vie aeree. La ridotta umidificazione, oltre a provocare secchezza della mucosa orale e respiratoria, può portare a una alterazione del sistema mucociliare delle vie aeree deputato alla rimozione delle secrezioni. Questo, a sua volta, può facilitare lo sviluppo di fenomeni di infezioni.
A questo si aggiunge che, nel periodo immediatamente successivo all'estubazione, è spesso difficile per il paziente ventilare adeguatamente anche le sezioni più periferiche del polmone e anche la presenza di aree ipoventilate è stato dimostrato essere un rischio per lo sviluppo di infezioni.
Sono in corso studi per ottimizzare il periodo successivo all'estubazione combinando supporti respiratori che siano efficaci nell'ottimizzare l'umidificazione con presidi in grado di mantenere aperto il parenchima polmonare


impatto sulla società

Gran parte degli interventi chirurgici viene eseguito utilizzando l'intubazione endotracheale e la ventilazione meccanica. È quindi importante che nelle fasi successive all'estubazione il paziente sia messo in condizione di ripristinare prontamente ed efficacemente una ventilazione adeguata. Questo al fine di ridurre il rischio infettivo che, nel periodo post-operatorio può gravemente compromettere l'outcome. Una adeguata umidificazione unita all'utilizzo di una moderata pressione positiva continua (CPAP) sembra essere in grado di garantire una rapida ripresa della funzione respiratoria.




referente

Luca Brazzi
gruppo di lavoro

Vito Fanelli
Anna Mazzeo
dipartimento

partner


condividi
progetti di ricerca rilevanti
potrebbero interessarti anche