Brand
Scienza e tecnologia

Biostatistica: un punto d'incontro tra Matematica e Medicina

La nostra ricerca è prettamente interdisciplinare, abbinando le competenze matematiche e statistiche con quelle specificamente mediche ed epidemiologiche per lo studio di un ampio spettro di problemi che implichino l’analisi avanzata di dati biomedici

I dati e i numeri, nella ricerca biomedica e epidemiologica, nella pratica clinica e nella sanità pubblica, hanno un ruolo sempre più importante. Possono aiutare a capire se uno studio fornisce risultati a favore di un trattamento, indicare strategie di prevenzione o prevedere la sopravvivenza, valutare l’impatto di una politica o orientarsi di fronte a molte informazioni, come nella genomica. Occorre però saperli interpretare rigorosamente! La biostatistica descrive in sintesi, da un punto di vista quantitativo, ampi insiemi di dati clinici o epidemiologici per derivarne modelli interpretativi per la popolazione da cui sono ricavati. Proprio così alcuni grandi studi hanno fornito un quadro dettagliato dell'andamento di varie patologie e del ruolo di fattori ambientali e abitudini di vita nella loro insorgenza. La collaborazione tra esperti biomedici e statistici consente di impiegare metodologie scientifiche anche molto recenti per individuare le caratteristiche essenziali di ogni problema e fornire il contesto matematico appropriato per generalizzare i risultati specifici. Insomma, i biostatistici utilizzano la matematica per far progredire la scienza e gettare un ponte tra la teoria e la pratica. Il progetto è per sua natura interdisciplinare e coinvolge, oltre ai ricercatori citati e ai Dipartimenti di Matematica e di Scienze Cliniche e Biologiche, il CPO Piemonte (dr.ssa Sacerdote) e il Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO 3 (dr. d'Errico e dr.ssa Sciannameo).


impatto sulla società

La ricerca in biostatistica consente di sviluppare e utilizzare gli strumenti matematici adeguati per rispondere alle domande che ci si pone sull’associazione tra fattori di rischio e malattie o tra variabili coinvolte, sui loro possibili nessi casuali, sul ruolo di fattori ambientali o comportamentali nella loro insorgenza, sull’effetto delle politiche volte a contrastarle e la conseguente attenzione da porvi. I modelli elaborati costituiscono uno strumento prezioso per evidenziare i problemi sanitari rilevanti e suggerire le conseguenti politiche sanitarie e predirne gli effetti.




referente

Maria Teresa Giraudo
gruppo di lavoro

Giuseppe Costa
Fulvio Ricceri
Roberta Sirovich
Francesca Fasanelli
dipartimenti

partner


condividi
progetti di ricerca rilevanti
approfondimenti
Centro di Riferimento per l'Epidemiologia e la Prevenzione Oncologica in Piemonte
Disuguaglianze di Salute
potrebbero interessarti anche