Un modello di business etico: la finanza islamica e le sue declinazioni

Il gruppo di studio si propone di ampliare sempre più la specializzazione per rappresentare un centro di divulgazione a livello nazionale e internazionale, favorendo una possibile integrazione tra il nostro sistema bancario e quello islamico, meno orientato all'indebitamento e alla speculazione

Il sistema islamico di intermediazione finanziaria, sorto poco più di trent'anni fa, presenta trend di crescita del 15-20% all'anno e la sua attività si ispira ai principi morali ed etici della Sharia, conforme ai dettami del Corano che vieta l'applicazione di tassi di interesse e la realizzazione di profitti basati su una eccessiva incertezza. La popolazione musulmana nel mondo si aggira a oggi intorno a 1,6 miliardi di persone mentre la presenza di musulmani in Italia secondo le stime ha raggiunto più di 1,2 milioni di persone. Alla religione musulmana corrisponde un modello alternativo di finanza, la finanza islamica, che a oggi è presente in circa 75 paesi del mondo con un totale di attività di più di 1000 miliardi di dollari: si contraddistingue per l'accostamento tra finanza e valori etici e morali, questi ultimi determinanti nella definizione delle regole e norme alla base del funzionamento del sistema bancario islamico, che si concretizzano in diversi precetti, il più importante dei quali è il divieto di corresponsione degli interessi.
Gli aspetti etici islamici sono di interesse, inoltre, per favorire i processi e i percorsi di internazionalizzazione delle aziende: considerato che la popolazione musulmana rappresenta il 24% della popolazione mondiale, ne fa di essa una quota di mercato enorme di destinazione che non può essere ignorata. Da qui emergono i filoni di ricerca nell'ambito del cibo etico (halal food) e della moda etica (modest fashion e halal cosmetic).


impatto sulla società

L'impatto sociale è assai rilevante dal punto di vista delle opportunità di crescita delle aziende pubbliche e private italiane e straniere e degli aspetti di integrazione sociale culturale e territoriale, necessari in contesti con alta densità di popolazioni musulmane.


tags


temi correlati


referente

Paolo Biancone
gruppo di lavoro

dipartimenti

Management
Scienza e Tecnologia del Farmaco

condividi
progetti di ricerca rilevanti
potrebbero interessarti anche