Brand

Open Literature, promozione della cultura digitale negli studi umanistici

Il progetto apre la ricerca accademica alle sperimentazioni della cultura digitale promuovendo il dialogo cultura umanistica/Web. Si rivolge in forma collaborativa a un'utenza vasta, adottando la letteratura come educazione alla lettura e produzione di contenuti di alto valore in ambiente 2.0

La diffusione di Internet ha rivoluzionato le modalità di creazione e distribuzione dei "prodotti culturali", generando un paradosso: l'apertura della cultura verso una collettività molto ampia non trova corrispondenza in un'effettiva padronanza di strumenti avanzati di interpretazione del digitale da parte del pubblico. Il progetto vuole rispondere a questo paradosso favorendo un dialogo concreto tra cultura umanistica e cultura della Rete.
A questo scopo, ci proponiamo di promuovere il ruolo della letteratura come educazione alla lettura di testi e alla produzione di contenuti di alto valore semantico in un contesto digitale, nello sviluppo cioè di quelle capacità di produzione e comunicazione informativa sul Web che costituiscono il fondamento delle "competenze digitali di base".
Fra gli aspetti oggetto dell'indagine, saranno prese in considerazione le modalità di interazione tra mondo analogico e universo digitale all'interno del testo letterario, ovvero dei modi e delle prospettive in cui lo sguardo letterario recepisce i profondi cambiamenti sociali prodotti dall'innovazione tecnologica degli ultimi decenni, integrandoli nel proprio orizzonte formale e contenutistico.
Due le linee di intervento: l'apertura della ricerca accademica alle sperimentazioni della letteratura digitale e la diffusione di strumenti di lettura di testi in forma digitale presso un pubblico via via più vasto, coinvolgendo il territorio al di là della comunità universitaria.


impatto sulla società

La collaborazione con le biblioteche dell'Università di Torino e dell'area urbana torinese metterà a disposizione di un'utenza vasta, che includerà studenti, studiosi e, più in generale, "lettori", un corpus significativo di testi letterari e teatrali in forma digitale, puntando su materiali oggi fruibili in pubblico dominio e sulle attività di riuso dei testi attraverso processi di annotazione e arricchimento in forma collaborativa e condivisa.




referente

Cristina Trinchero
gruppo di lavoro

Carmelina Concilio
Roberto Merlo
Silvia Ulrich
Esterino Adami
dipartimenti

partner


condividi
progetti di ricerca rilevanti
potrebbero interessarti anche