Brand

CIRMA - Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Multimedialità e Audiovisivo

Il Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Multimedialità e l'Audiovisivo nasce nel 2003 a partire dalla collaborazione tra docenti dei settori media, spettacolo e informatica, al fine di svolgere ricerca interdisciplinare sui temi della Creatività Digitale e del Digital Heritage.

Un ragnetto multicolore che appare sul tuo cellulare per guidarti nella visita di un palazzo storico; una piattaforma multimediale che ti permette di scrivere storie interattive; uno spettacolo teatrale dove l'attore comanda video, luci e musica grazie al movimento delle dita; un visore di realtà virtuale che permette al pubblico di visitare una storica istallazione multimediale. Cos'hanno in comune tutte queste attività? Semplice: sono frutto di una collaborazione interdisciplinare tra ricercatori e artisti che provengono da studi e ambiti differenti.
Il CIRMA (Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Multimedialità e Audiovisivo) nasce nel 2003 dalla collaborazione tra docenti dei settori scientifici differenti (media, spettacolo, sociologia, informatica), al fine di creare un terreno di effettiva collaborazione e ricerca interdisciplinare sui temi della creatività digitale e della multimedialità. Nel CIRMA convergono le attività di docenti e ricercatori del Dipartimento di Informatica e del Dipartimento di Studi Umanistici. Negli anni, abbiamo promosso e realizzato ricerche disciplinari e interdisciplinari sulla ipertestualità, la multimedialità, l'audiovisivo e le arti digitali e la loro relazione con i beni culturali. Nel 2005 la costituzione del CIRMA è stato approvata dal Senato Accademico dell'Ateneo torinese.


impatto sulla società

La produzione artistica e la comunicazione creativa sono ambiti sempre più interconnessi. È sempre più importante che i beni culturali materiali e immateriali siano oggetti di ricerca interdisciplinare. Inoltre i nostri beni culturali devono essere comunicati a un pubblico sempre più diffuso ed eterogeneo. In questo senso i nuovi media digitali giocano un ruolo fondamentale, sia per la conservazione, sia per la diffusione delle opere e delle informazioni. Negli anni, il CIRMA ha sviluppato ricerca teorica in questi ambiti ed ha sempre testato le proprie soluzioni sul campo, nella pratica.




referente

Antonio Pizzo
Vincenzo Lombardo
gruppo di lavoro

Annarita Colturato
Federica Cena
Rossana Damiano
Cristina Gena
Vincenzo Lombardo
Alessandro Mazzei
Maria Federica Mazzocchi
Alessandro Piero Mario Pontremoli
Andrea Valle
Antonio Pizzo
dipartimenti

partner


condividi
progetti di ricerca rilevanti
approfondimenti
Una guida virtuale per gli appartamenti dei Savoia a Palazzo Chiablese
Officine Sintetiche / Sito web del progetto
Drammar: una rappresentazione formale della nozione di dramma
potrebbero interessarti anche