Brand

Letteratura e territorio: conoscere gli scrittori del Piemonte attraverso le loro carte

Il Centro approfondisce la conoscenza del patrimonio letterario piemontese acquisendo manoscritti, carteggi, biblioteche, oggetti degli scrittori del nostro territorio o piemontesi di adozione, e valorizza i materiali attraverso conferenze, convegni, mostre, rassegne cinematografiche e pubblicazioni

Di uno scrittore spesso conosciamo la produzione maggiore, di cui è facile trovare copia nelle librerie o stralci nelle antologie per le scuole: a tutti è nota, per esempio, la figura della Signorina Felicita, a cui Guido Gozzano (1883-1916) dedica un poemetto. È certamente meno noto che dietro la Signorina Felicita ci sono le signorine Fea, “tre adorabili creature” che gestivano l’alberghetto di Savigliano, città nella quale il poeta si era trasferito per frequentare l’ultimo anno del liceo classico. Gozzano confessa, nel carteggio con l'amico Ettore Colla, “piccantissime avventure, specialmente notturne”, e “gozzoviglie” gastronomiche.
Attraverso lettere, carte private, disegni, annotazioni sui libri posseduti, oggetti e arredi, è possibile ricostruire e restituire al lettore la personalità dello scrittore e comprendere più a fondo l’ispirazione da cui sono nate le sue opere. È questo lo scopo dell’attività di recupero e valorizzazione del patrimonio storico-letterario della cultura piemontese svolta dal Centro intitolato a Guido Gozzano e a Cesare Pavese.
Nato nel 1967 ad opera di Giovanni Getto, in seguito alla donazione del fratello di Gozzano, Renato, di carte, libri, mobili e quadri, il Centro si propone di ricercare nuovi fondi, documenti rari, manoscritti, acquisendoli attraverso donazioni di eredi o, se possibile, mediante l’acquisto sul mercato antiquario, e di valorizzarli attraverso catalogazione e la pubblicazione di edizioni filologicamente accreditate.


impatto sulla società

Durante gli anni di attività il Centro ha organizzato molteplici iniziative volte alla conservazione e alla valorizzazione delle fonti acquisite attraverso la digitalizzazione degli archivi e la pubblicazione di fonti inedite. Per contribuire a far conoscere scrittori piemontesi talvolta poco noti al grande pubblico sono state organizzate giornate di studio, rassegne cinematografiche, mostre in Italia e all’estero, conferenze e convegni.




referente

Mariarosa Masoero
gruppo di lavoro

Ester De Fort
Renato Grimaldi
Valter Boggione
Mauro Bersani
Franco Contorbia
Maurizio Cossa
Claudio Marazzini
Lorenzo Mondo
Ugo Nespolo
Lorenzo Ventavoli
Giuseppe Zaccaria
dipartimenti

partner


condividi
progetti di ricerca rilevanti
potrebbero interessarti anche