Centro Studi e Ricerche di Onomastica

Costituitosi nel 2001 il Centro Studi si propone di promuovere la ricerca onomastica (nomi di persona, di famiglia e di luogo), indagando i rapporti tra società, lingua e identità, sia in prospettiva storica, sia nella contemporaneità

Conformemente al proprio mandato, il Centro Studi si fa promotore di ricerche, convegni e pubblicazioni dedicati alle forme e ai processi di imposizione del nome, monitorando i cambiamenti intervenuti nel tempo all'interno delle società complesse. Tra i filoni attualmente più produttivi si segnala l'indagine sui nomi dei nuovi italiani, che mette in rapporto le scelte tradizionalmente radicate sul territorio con quelle delle comunità straniere in Italia, nel passaggio dalla prima alla seconda generazione.
Partendo dai repertori onomastici storici e moderni, questa linea di ricerca intende valorizzare, in particolare, le specificità culturali connesse all'imposizione del nome, ma anche le relazioni e i ponti che si creano attraverso le situazioni di contatto e i percorsi di migrazione, antichi e recenti. Tra gli oggetti di studio rientrano i nomi italiani, stranieri e le ibridazioni delle denominazioni di carattere etnico, un patrimonio onomastico rinnovato dai processi di globalizzazione e assimilazione. Gli esempi più emblematici di questa trasformazione riguardano le comunità numericamente più consistenti sul territorio piemontese, al cui interno si evidenziano strategie diverse di scelta dei nomi.
La ricerca si avvale della collaborazione con oltre 50 scuole, che hanno favorito il coinvolgimento delle comunità locali e la raccolta di nomi personali e storie onomastiche.


impatto sulla società

Lo studio delle dinamiche di integrazione onomastica restituisce una modellizzazione dei processi di adattamento all'interno delle società multietniche generate dall'intensificarsi dei flussi migratori. L'impatto di queste ricerche è già visibile nella creazione di un osservatorio permanente a Torino e a Bagnolo Piemonte, sede di un'importante comunità cinese, per tracciare l’evoluzione delle nuove identità nate dall'incontro di culture e lingue tipologicamente distanti. La ricerca costituisce un paradigma esportabile ad altre realtà italiane ed europee caratterizzate da alta mobilità sociale.


tags


temi correlati


referente

Elena Papa
gruppo di lavoro

dipartimenti

Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne
Studi Umanistici
partner



condividi
progetti di ricerca rilevanti
potrebbero interessarti anche